Alt-J || Ferrara Sotto le Stelle

Versione in italiano un po’ più giù 🙂

June 28th   A few days ago I had the chance to see live this amazing British indie-rock band in a stunning location. AltJ performed in Piazza Castello, during the annual event Ferrara Sotto le Stelle (and they were great!).

​First thing to say, even if the weather wasn’t on our side, the city background did stand out a lot: Ferrara is gorgeous and that night, full of happy people it was even more. The historic centre winds its way into many characteristic alleys, where you can find plenty of places to have an aperifit, eat something or just drink a beer in company.

Back to the point. To be honest I did read some reviews and watched YT videos of the band performing live and they were not as great as one would expect, so I was a bit sceptical at the start. AltJ’s three albums feature a variety of sounds that can really take you to another dimension, I’d say sometimes not really suitable for live performances like this. However, I was gladly surprised that they were absolutely able to reproduce that magical atmosphere even in the middle of an old town square.

I did enjoy some songs more than others of course, but in my humble opinion, the overall performance was great! I would have loved a bit more interaction between them and the audience, but in return, the lighting was exceptional and the choice of the setlist too (exept for the choice of not including the song “Pusher”).

As a final thought, they absolutely deserve to be seen live!

 

**************

 

28 Giugno   Qualche giorno fa ho avuto l’occasione di vedere live questa fantastica band indie-rock inglese in un’ambientazione davvero incredibile. Gli AltJ si sono esibiti in Piazza Castello, in occasione dell’evento annuale Ferrara Sotto Le Stelle (e sono stati fantastici!).

La prima cosa da dire è che, nonostante il meteo non fosse proprio dalla nostra parte, la bellezza della città è riuscita a venire fuori comunque: Ferrara è splendida e quella sera, piena di ragazzi felici (“presibbene”) lo era ancora di più. Il centro storico si dirama in tanti vicoli caratteristici, dove si possono trovare molti locali in cui fare aperitivo, mangiare qualcosa o anche solo bere una birra in compagnia. ​

… ma torniamo al punto. Ad essere sincera, avevo precedentemente letto alcune recensioni e visto alcuni video su YouTube della band esibirsi live e non mi erano sembrati così incredibili come uno ci si aspetta. I loro tre album sono ricchi di tracce e suoni capaci di trasportarti in un’altra dimensione, che a volte non sono adatti a delle performance live di questo tipo. Devo dire, però, che l’esibizione di quella sera mi ha lasciata piacevolmente sorpresa perchè la band è stata in grado di riprodurre quella atmosfera magica anche in un contesto come quello di Piazza castello.

Ho amato alcune canzoni più di altre, ovviamente, ma nella mia modesta opinione, la performance generale è stata fantastica! Mi sarebbe piaciuta un po’ più di interazione tra i musicisti e il pubblico, ma in cambio, il setting e il gioco di luci erano impeccabili e decisamente azzeccate! Così come la scelta delle canzoni da eseguire (fatta eccezione per l’esclusione di “Pusher” dalla setlist).

Pensiero finale, meritano assolutamente di essere visti live! 🙂

My Top 5 TV Series (at the moment)

Versione in italiano un po’ più giù 🙂

As many of you people out there, I am addicted to TV Series. I like watching them in company, or alone at night under the blankets, or while I’m having lunch, or dinner or having a shower; I would basically walk around and keep watching them all day, if only that was possible!

Now, I have to admit I haven’t been a fan of 13 Reasons Why, in fact I did not enjoy it that much, but we all know that 2015/2016 came up with so many cool new series or new seasons too (How to Get Away With Murder, Stranger Things and Black Mirror are just a few examples of some very popular ones).

However, there are a few series I am enjoying watching quite a lot at the moment which I think are being a little bit underrated or there hasn’t been much of a talk lately. So, why not sharing them on the internet? Maybe some of you are looking for “new” material! 🙂


Here is my top 5:

iZombie

I love zombies, I admit, so I might be a little bit biased with this one. But iZombie is everything but what you would expect from a classic series on monsters. So, not The Walking Dead kind of splatter. The “monsters” here live among the livings. It is described as a comedy/thriller/horror genre and there is no better way to classify it: it has a bit of irony and humour (which never hurts) and enough thriller to keep your eyes glued on the screen. Plus The CW is doing an amazing job with the readaptation of the comic book series of the same name, created by Chris Roberson and Michael Allred and published by DC Comics. Double plus, it is on NETFLIX. In conclusion, this is a super recommended one!

Vikings

Early medieval Scandinavia, Ninth Century. The series is all about the tales and ventures of the legendary viking hero, Ragnar Lothbrok and of his all family. Despite some ebb and flaw, the plot is rich in pathos, love, adventure, cruelty and bloodshed that make the story more and more intense, as time goes by. It is not 100% historically accurate, but it is very impressive in reporting and explaining some cultural aspects of the true viking life. I do recommend this if you are into this kind of genre; but I wasn’t and it really worked for me anyway! It was produced for History channel, but it is available on NETFLIX too.

Big Little Lies

Big Little Lies is a 2017 black-comedy drama miniseries, based on the novel written by Liliane Moriarty. It doesn’t really need introductions, since the cast is tremendously remarkable (Reese Witherspoon, Nicole Kidman and Shailene Woodley WAIT, W H A T?, to name but a few), if it were not for the fact that the name recalls another TV series less intense and significantly less profound (Pretty Little Liars anyone?). This, unfortunately, got me a bit skeptical about it. I’ve never been so wrong! The show is mean and cruel and it keeps reminding us that the rich (oh, sooo rich) are not that happy after all, in their amazing houses on the Californian beach. Toxic marriage, murder and class conflict in a gorgeously shot series, that completely lay bare the dynamics of a group of beautiful (Nicole Kidman looks as young as a 22-year-old girl) women of the America upper-class. Totally worth watching this; plus, the soundtrack is always on point!

Peaky Blinders

Another NETFLIX original series (well, Netflix acquired the exclusive after the first season, very smart!). Peaky Blinders is a gangster criminal-drama, set in the 1920’s in Birmingham.  I am going to give you just a few reasons one should absolutely watch this: 1) it is British, most of the actors are British = every one has a British accent ♥; 2) Cillian Murphy is incredible in his role (well, he is incredible anyway!); 3) the soundtrack is A-M-A-Z-I-N-G! Seriously, you will be hearing Nick Cave, The White Stripes, Johnny Cash, PJ Harvey, The Arctic Monkeys, Royal Blood, Radiohead and so many more; 4) it is honestly so good!

Girls

Most of you already know this one, I’m sure, but it is worth mentioning it anyway. Take Sex and the City, with younger characters, add some reality, financial troubles, marriages gone wrong, cheating (well, you have loads of cheating in Sex and the City too), drug issues and some STDs and here you have it! It is not just an easy-to-watch kind of daily TV show, it is the hypothetical real life of four friends (not always that friends) in the big Apple. Ironic, honest and very focused on some of the issues the audience may have faced or will face eventually, but with authenticity and sensibility. You might end up hating or loving some of the characters at some point, keep going, it’ll get worse (ahah!). Apart from Jessa. I have loved her from the start to the very end of the last season. This show is a total winner for me!

***********

Esattamente come molti di voi, anche io sono totalmente dipendente dalle Serie TV. Mi piace guardarle in ogni momento della giornata. Praticamente andrei in giro guardando Serie TV, se fosse possibile in qualche modo!

Premetto che alcune serie -come ad esempio 13 (perdonopietà)- non mi hanno particolarmente entusiasmato, ma non voglio stare qui a polemizzare. Diciamo, però, che il 2015 e il 2016 hanno sfornato una gran bella fetta di nuove serie e nuove stagioni super-fighe (Le Regole del Delitto Perfetto, Stranger Things e Black Mirror sono solo alcuni esempi).

In questo periodo seguo con molto piacere alcune serie che ritengo siamo un po’ sottovalutate, o delle quali non ho sentito molto parlare ultimamente. Dunque, perché non condividerle con il popolo di internet (al quale sicuramente non potrebbe interessare di più!)? Magari qualcuno di voi è alla ricerca di nuovo materiale! 🙂


Ecco le mie 5 Serie TV preferite:

iZombie

Ammetto di adorare gli zombie, in ogni modo vengano presentati, quindi rischio di essere molto di parte. Ma iZombie non rappresenta proprio quello che ci si aspetta solitamente da una serie TV con dei mostri. Non c’è spargimento di viscere alla TWD: qui i “mostri” vivono tra i vivi. Viene definita come una commedia (tanto commedia) thriller/horror e non credo ci sia modo migliore per classificarla: c’è un po’ di ironia e humor (che non guastano mai) e abbastanza thriller da farvi tenere gli occhi incollati allo schermo. In più The CW sta facendo un ottimo lavoro con il riadattamento del fumetto da cui la serie è tratta, creato da Chris Roberson e Michael Allred e pubblicato dalla DC Comics. Doppio plus, è reperibile su NETFLIX. Super consigliata!

Vikings

Siamo nel medioevo scandinavo, a circa metà del nono secolo. La serie parla delle vicende avventurose di un eroe vichingo leggendario, Ragnar Lothbrok, e di tutta la sua famiglia. Nonostante alcuni alti e bassi, la trama è convincente, ricca di pathos, amore, avventura, crudeltà e spargimenti di sangue che rendono la storia sempre più intensa di episodio in episodio. C’è da dire che la serie pecca un po’ in accuratezza dal punto di vista della ricostruzione storica, ma l’attenzione con cui vengono riportati i dettagli della cultura e degli usi vichinghi è notevole. Consiglio tantissimo Vikings se si è amanti del genere; io all’inizio non lo ero, ma poi mi sono fatta coinvolgere comunque. Prodotta inizialmente per History Channel, è anche disponibile su NETFLIX.

Big Little Lies

Big Little Lies (o Piccole Grandi Bugie) è una miniserie e commedia drammatica del 2017, basata sul romanzo omonimo scritto da Liliane Moriarty. Non avrebbe bisogno di alcuna presentazione in realtà, dato che ha un cast a dir poco stellare (Reese Witherspoon, Nicole Kidman e Shailene Woodley SCUSA C O M E?!, giusto per citarne alcuni), se non fosse per il fatto che il nome ricorda molto quello di un’altra famosissima serie TV dai contenuti molto meno profondi (avete presente Pretty Little Liars?). Questo, purtroppo, mi aveva resa un po’ scettica all’inizio. Mi ero completamente sbagliata! La serie è realistica e brutale e continua a ricordare agli spettatori che i ricchi (e sono davvero molto, molto ricchi) non sono poi così felici dopotutto, nelle loro mega-giga case sulle spiagge californiane. Sentimenti malati, omicidi e conflitti sociali, in uno scenario reso quasi fiabesco dalla splendida fotografia, mettono a nudo le dinamiche di un gruppo di donne bellissime (Nicole Kidman sembra avere 22 anni!) appartenenti alla classe sociale agiata americana. Vale decisamente la pena guardarlo; in più, le musiche sono sempre assolutamente impeccabili! In Italia va in onda/è andato in onda su SKY Atlantic.

Peaky Blinders

Ecco un’altra serie originale NETFLIX (anche se in realtà Netflix ha acquistato l’esclusiva dopo la messa in onda della prima stagione, furbetti!). Peaky Blinders è un criminal-drama che racconta le vicende di una gang inglese (di Birmingham, per la precisione), appena dopo la fine della Grande Guerra. Sarò breve per questa, vi darò giusto alcuni motivi per i quali vale assolutamente la pena iniziare a seguirla: 1) è una serie britannica, il che vuol dire che quasi tutti gli attori sono britannici ⇒ quasi tutti hanno un accento super britannico ♥; 2) Cillian Murphy è incredibile nel suo ruolo (ma lui in realtà sarebbe incredibile comunque!); 3) la colonna sonora è P-A-Z-Z-E-S-C-A! Davvero, si possono ascoltare pezzi di Nick Cave, The White Stripes, Johnny Cash, PJ Harvey, The Arctic Monkeys, Royal Blood, Radiohead e di tanti tanti altri; 4) è davvero, davvero una serie fantastica!

Girls

La maggior parte di voi, molto probabilmente, già conosce Girls. Ma vale la pena menzionarla comunque. Prendete Sex and the City, con delle protagoniste leggermente più giovani, aggiungete un po’ di realismo, problemi economici, matrimoni andati a finire male, tradimenti (ma di quelli forse in Sex and the City ce ne sono già abbastanza), droga e qualche malattia sessualmente trasmissibile e ci siamo! Non è semplicemente una serie TV da 20 minuti per episodio, facile e leggera da guardare: è l’ipotetica vita reale di quattro amiche (che non sono e non saranno sempre così amiche) che vivono nella Grande Mela. Ironica, onesta, genuina, sensibile e focalizzata su alcuni dei problemi che il pubblico potrebbe aver dovuto affrontare o che molto probabilmente si troverà ad affrontare prima o poi. È possibile che finiate per amare o odiare alcuni dei personaggi ad un certo punto. Ma andate avanti, diventerà sempre peggio (ahah!). Tranne che per Jessa. Ho amato Jessa dall’inizio alla fine. (Anche) questa serie è assolutamente da guardare!

 

 

 

 

 

The Art of Planning: Filofax Saffiano

Versione in italiano un po’ più giù 🙂

I have to admit I am a little bit of an obsessive-compulsive person when it comes to planning things.

A few months ago I decided to buy a planner, so that I could give vent to this irrepressible desire I had to organising some of the activities of my daily life. So I bought a Filofax Saffiano in the Personal size (30€ on Amazon.it) and since then, my life has changed so much.

Filofax Saffiano Personal
I know I am not the only person out there who feels a sense of satisfaction when ticking all of the activities set for one day. Now, since I struggled a lot at the start to finally find the perfect set-up for my needs, I would like to share it with those people, that might find it really helpful for their planners (or for people who want to start a brand new one!).

First of all, since I am not a very DIY person, I contacted a girl who created all the thing that I needed for a basic set-up of my planner in the style I liked the most. She was very nice and I really liked everything she made, so I think it is worth mentioning her in this post: her name is Rossella and here you can find her Facebook page. ♥

 

I decided to use a few dividers that separate the main “topics” in my planner:

  •  Info, where, of course, there are all my personal information;
  • Notes, where I keep all the random notes I take (shopping lists, whish lists of things I would like to buy or of movies and books I want to watch/read, events I have to plan and make lists for and so on…), this is the most important part of the planner in my opinion;
  • then I have the proper Calendar section, where I have a two-page monthly planner plus a weekly planner for each month;
  • a Work section, where I keep all the notes that concern my job/s;
  • and finally, the last two sections that are blank, this because they tend to change a lot during the months, depending on what I am doing at the moment (these are so handy!).
The Calendar Section

I LOVE this divider!
I think it is very important to keep it as more organised as possible (obviously with respect to your personal needs). For this reason I think that a Planner Key is essential! What is it? Easy, it is a code that basically assigns a unique symbol to represent tasks, events, appointments and so on. I find this key to be the one that works the best for me.

But of course you can also use different colours or symbols or whatever your immagination can come up with!

Another thing that I find really useful is the so-called month at a glance calendar, that allows you to keep track of everything you are going to do throughout the whole month (and also, it reminds me of all the birthdays!).

Then, you just have to decide if you prefer having a daily calendar or a weekly calendar, I opted for the weekly one and I find it really handy. And if something does not fit in a space, here is when post-it notes come into play!

Honestly, this organiser made my life so much easier! I hope this post has given you some good ideas for yours too. ♥

***********

Ammetto di essere una persona un po’ ossessivo-compulsiva quando si tratta di pianificare le cose.

Qualche mese fa ho quindi deciso di comprare un’agenda, per poter dare sfogo al mio irrefrenabile istinto di organizzare alcune delle mie attività giornaliere. Così ho acquistato una Filofax Saffiano nella taglia Personal (30€ su Amazon.it) e da quel giorno, la mia vita è molto cambiata.

Filofax Saffiano Personal
So di non essere l’unica persona là fuori a provare un senso di soddisfazione immenso quando riesce a spuntare tutte le attività da fare previste per una giornata. Così, dato che all’inizio mi è stato un po’ difficile riuscire a trovare il set-up migliore per le mie esigenze, ho deciso di condividere il risultato finale in questo post, per le persone che potrebbero trovarlo d’ispirazione per le loro agende (o per chi volesse iniziarne una completamente nuova!).

Prima di tutto, dato che io non sono molto brava con il DIY, ho contattato una ragazza su Facebook, che ha provveduto a creare per me tutte le cose di cui avevo bisogno per un set-up di base e con lo stile che più preferivo. Rossella è stata bravissima, ho adorato tutte le cose che ha realizzato, quindi mi sembra giusto menzionarla in questo post (qui la sua pagina Facebook ♥).

Ho deciso di usare dei dividers per separare le macro sezioni della mia agenda:

  •  Info, dove ovviamente ci sono tutte le mie informazioni personali;
  • Notes, dove prendo appunti in continuazione di cose piuttosto random, (lista della spesa, lista di cose che mi piacerebbe comprare, film che vorrei vedere, libri da leggere, eventi per i quali devo pianificare delle cose, e così via), questa per me è la parte più importante di tutta l’agenda;
  • poi c’è la sezione del vero e proprio Calendar, dove ho inserito un planner mensile di due pagine e quello settimanale per ogni mese;
  • una sezione per il lavoro Work, dove prendo nota delle cose da fare riguardanti i miei lavori;
  • e, in fine, ci sono le ultime due sezioni che sono bianche, questo perché tendono a cambiare molto durante i vari mesi, a seconda di ciò che sto facendo al momento (sono super-utili!).
The Calendar Section

I LOVE this divider!
Credo sia davvero molto importante tenere la propria agenda il più organizzata possibile (ovviamente sempre a seconda delle proprie necessità). Per questo motivo, penso che un Planner Key sia essenziale! Cos’è? Semplice, un codice che assegna un simbolo unico per rappresentare le cose da fare, gli appuntamenti, gli eventi e così via. Questa nella foto in basso è la “key” che per me funziona meglio.

Ma ovviamente si possono usare anche colori diversi, simboli diversi o qualsiasi altra cosa possa venirvi in mente!

Un’altra cosa che trovo molto utile è quello che in inglese si chiama il month at a glance calendar, che permette di tenere tutto il mese sotto controllo in sole due pagine (e che mi ricorda di tutti i compleanni che verranno, dato che per quelli sono una completa frana!).

Dopodichè, bisogna solo decidere se si preferisce avere un calendario settimanale (settimana su due pagine) o giornaliero (una pagina al giorno); io ho optato per il settimanale e, personalmente, lo trovo molto comodo. E se non c’è più spazio per scrivere qualcosa, qui è dove entrano in gioco gli utilissimi post-it!

Devo essere sincera, l’agenda ad anelli ha reso la mia vita molto più semplice da gestire! Spero che questo post vi dia qualche idea anche per gestire le vostre 🙂 ♥